Hamilton penalizzato. Grande occasione per Verstappen e… Leclerc

Lewis Hamilton sembra in palla. Nonostante la penalizzazione in arrivo ha voluto mandare un segnale al suo grande avversario Max Verstappen. E’ lui il più veloce del venerdì. E dietro non c’è Max (soltanto quinto a 0″635), ma un Charles Leclerc galvanizzato dal nuovo motore…

La Mercedes ha deciso di sostituire il motore termico di Lewis Hamilton che così pagherà 10 posizioni di penalità sullo schieramento. Evidentemente in Mercedes esiste un problema di affidabilità e la sostituzione del motore di Bottas in Russia va vista ora sotto un’altra ottica. Non eravpretattica per andare ad ostacolare Max, ma una necessità. L’affidabilità giocherà un ruolo importante in questo campionato. Decidere di cambiare solo la parte termica della power unit permette a Hamilton di perdere solo 10 posizioni. Vedremo dove riuscirà a piazzarsi in qualifica. Il podio dovrebbe restare alla sua portata, ma certo Max avrà dalla sua una grande chance per tornare in vetta al campionato (Lewis ha 2 punti di vantaggio).

Ma la chance non ce l’avrà solo Verstappen… Leclerc dopo quello che abbiamo visto nelle prime prove, potrebbe puntare davvero al podio (mentre Sainz a cui è stata cambiata tutta la Power Unit, scatterà dal fondo) e forse a qualcosa in più se Verstappen di bianco vestito non dovesse rimettere in riga la sua Red Bull per il momento meno in palla del previsto su una pista il cui layout dovrebbe favorire il team di Horner. Già altre volte però Max è partito lento e a un venerdì sottotono poi ha fatto seguire un grande sabato.

Tra l’altro il meteo prevede pioggia per il sabato con qualifiche che potrebbero regalare dei risultati a sorpresa. Sarà interessante e anche importante in ottica campionato vedere quante posizioni ci saranno al via tra Max e Hamilton. Con 10 posizioni di penalizzazione Lewis avrà sempre come obbiettivo il podio. Ma la vittoria sarà alla sua portata? Difficile ipotizzarlo nonostante il nuovo motore che Lewis avrà in gara.

Share Button
umberto zapelloni

Nel 1984 entro a il Giornale di Montanelli dove dal 1988 mi occupo essenzalmente di motori. Nel gennaio 2001 sono passato al Corriere della Sera dove poi sono diventato responsabile dello Sport e dei motori. Dal marzo 2006 all'aprile 2018 sono stato vicedirettore de La Gazzetta dello Sport

1 commento

  1. Spesso, invece, al venerdi le rosse sono al top. Peccato la gara si disputi alla domenica…

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.