Binotto: potrebbe non esser colpa del botto in qualifica

Mattia Binotto non sa se essere felice per Carlos o piangere per Charles. “Le sensazioni sono contrapposte, peccato per Charles e contenti per Carlos”. Difficile scegliere perchè quando si accarezza una vittioria, poi non ci si può accontentare di un secondo posto.

“Avevamo una macchina che si è comportata bene per tutto il weekend – ha detto Binotto a Sky Sport – . Dovremo guardare la macchina di Charles, si è rotto qualcosa tra il semiasse e la ruota sinistra. Può essere anche qualcosa di slegato dall’incidente di ieri, perchè la botta l’ha presa a destra”.

“Potevamo guadagnare più punti, Leclerc poteva giocarsi la vittoria con Verstappen. Abbiamo avuto un problema di affidabilità che può essere slegato dall’incidente, dovremo valutare”. 

“Leclerc è andato a cercare Sainz sotto il podio, è lo spirito giusto e va costruito. Abbiamo voglia di crescere e fare bene insieme. E’ una Ferrari che può dare soddisfazioni su certe piste, noi dobbiamo costruire a medio lungo termine per cercare un ciclo vincente. La direzione è quella giusta”.

“Siamo rimasti uniti anche nelle difficoltà, la scelta di Sainz è arrivata anche per creare l’amalgama. E’ tutto molto positivo, dobbiamo imparare dagli errori e oggi ne abbiamo commesso uno. Questo weekend avevamo il potenziale per vincere e non se lo aspettava nessuno, nemmeno noi. Andiamo nella giusta direzione, sapevamo che potevamo fare bene anche dalle simulazioni”

Share Button
umberto zapelloni

Nel 1984 entro a il Giornale di Montanelli dove dal 1988 mi occupo essenzalmente di motori. Nel gennaio 2001 sono passato al Corriere della Sera dove poi sono diventato responsabile dello Sport e dei motori. Dal marzo 2006 all'aprile 2018 sono stato vicedirettore de La Gazzetta dello Sport

3 commenti

  1. Se va a vendere il cocco sulle spiagge romagnole, ci guadagnano tutti. In due anni non ne ha imboccata una. Vuoi davvero vedere come sarà la macchina del 2022 prima di mandarlo a casa?
    Mandatelo alla polistil o alla burago: lì i modellini non hanno motore e non rischia di fare figuracce.
    Arrivabene, al confronto, era un genio.
    Oggi possono anche essere felici: hanno fatto più punti della Mercedes e a Baku potrebbe essere ancora favorevole.

    1. La Ferrari’nin un anno ha fatto un miglioramento che è sotto gli occhi di tutti

  2. peggio dello scorso anno, quando hanno toppato totalmente la macchina in seguito alle modifiche che hanno dovuto effettuare per rispettare il regolamento, non avrebbero potuto fare. Vedremo se, come al solito, riusciranno a reagire quando gli altri cominceranno a portare nuove modifiche.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.