Bottas beffa i due litiganti. Delusione Ferrari, super Giovinazzi

La pole non pole del Gran premio d’Italia se la prende il licenziato della settimana. Valtteri Bottas, appena sceso dalla Mercedes e salito sull’Alfa Romeo Sauber, è l’uomo del venerdì nel weekend di Monza. Beffa Hamilton e forse fa un favore a Verstappen che certo preferisce vedere lui davanti rispetto a Lewis. Delusione Ferrari, prevista. Grande prestazione di Giovinazzi.

Bottas davanti a tutti, senza scie, ma con un motore Mercedes nuovo di pacca (domani in gara scatterà dal fondo, oggi potrà godersi la pole nella mini race) è una sorpresa perché Hamilton sembrava tenerci davvero, anche per dare un colpo al suo avversario mondiale. Bottas invece lo ha battuto di 96 millesimi. Un altro segno di ribellione ora che la storia in Mercedes è ai titoli di coda. Un exploit che però non dovrebbe influire nella lotta per il mondiale visto che Bottas poi scatterà dal fondo. La Mercedes, come previsto, ha un buon vantaggio sulla Red Bull, 315 millesimi. Il grande favorito per domani è Hamilton, non ci sono dubbi. Per questo magari oggi Max proverà un gioco di prestigio nella mini race.

Lewis e Max si giocheranno sui 100 chilometri di oggi la pole per la gara vera, grazie alla penalizzazione in arrivo per Bottas. E la pole poi conterà parecchio in gara perché a Monza scattare davanti conta eccome (14 volte negli ultimi 20 anni ha vinto chi partiva davanti a tutti). Oggi in palio ci sono 3-2-1 punti per i primi tre. Punti che in prospettiva mondiale contano davvero. Il primo degli altri nella strana serata monzese è stato Norris, davanti a Ricciardo e Gasly. Per la Ferrari c’è stato davvero poco da fare. Sainz ha chiuso al settimo posto, Leclerc alle prese con un problema al motore che al box non sono riusciti a risolvere del tutto, è subito dietro. I ferraristi hanno preso quasi un secondo di distacco. Davvero un’eternità, ma nulla di inaspettato considerando le caratteristiche della pista. Però dalla Ferrari sulla pista di casa era legittimo aspettarsi un guizzo, un colpo a sorpresa. Invece nulla.

L’uomo del giorno in fin dei conti è stato ancora Antonio Giovinazzi che in Q2 era addirittura settimo, davanti alle due Ferrari, poi in Q3 quando aveva un solo set di Pirelli soft da usare, si è dovuto accontentare del decimo posto. Comunque ancora in top 10… Un’altra prestazione che suona come un messaggio in bottiglia per chi vorrebbe farlo fuori e affidare il suo volante al cinese Zhou. Antonio sta lottando come un leone per salvare il suo posto.

Domani mini race o, come la chiamano, Sprint Qualifying: tutto in 100 km (17 giri). A Monza chiuderanno in meno di mezzora. Deciderà lo schieramento di partenza, assegnerà la pole… uno scempio che l’anno prossimo non si ripeterà perchè la pole sarà assegnata per le staistiche al più veloce del venerdì…

Share Button
umberto zapelloni

Nel 1984 entro a il Giornale di Montanelli dove dal 1988 mi occupo essenzalmente di motori. Nel gennaio 2001 sono passato al Corriere della Sera dove poi sono diventato responsabile dello Sport e dei motori. Dal marzo 2006 all'aprile 2018 sono stato vicedirettore de La Gazzetta dello Sport

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.