#Leclerc: “Gara molto positiva”. Beh, non esageriamo…

Charles Leclerc ritrova il sorriso dopo la rabbia accumulata in qualifica. Ma un sesto posto è come una rondine, non può far primavera e dichiarare “E’ stata una gara molto positiva”, è un po’ eccessivo. Sesto e a più di un minuto dal vincitore. Postiva rispetto al Mugello o a Monza. Ma finiamola lì. Un piccolo passo avanti. Meglio definire così la domenica Rossa.

“Gara solida, abbiamo un fatto passo in avanti. Ora dobbiamo tenere i piedi per terra, ma la gara è stata molto positiva”. Charles Leclerc ai mocrofoni di Sky dopo il sesto posto in Russia, ritrova il buon umore.

“E’ stata una sorpresa per noi essere competitivi in gara – ha aggiunto – dobbiamo capire perché, ma è positivo. Siamo compettivi più di altre macchine, al Mugello è stato difficile. Abbiamo fatto un passo in avanti. Non potevamo provare la soft, era al limite. Fatta la strategia giusta, perso un po’ di tempo al pit-stop su Ricciardo. Comunque non si fa niente con i se e i ma. Aggiornamenti? La strada sembra giusta, è stato un piccolo aggiornamento e non siamo andati bene grazie a questo. Avremo un upgrade magiore in Germania, vedremo come andrà lì”.

Diverso l’umore di Vettel, finito fuori dai punti, doppiato. “Mi sono trovato in mezzo al traffico al via e non ho potuto fare molto. E’ stata una gara noiosa, di più non potevo fare. Avrei potuto fare l cambio gomme prima, ma non sarebbe cambiato molto. Con la macchina proprio non mi trovo e non solo perchè mi scappa il retrotreno..”.

Share Button
umberto zapelloni

Nel 1984 entro a il Giornale di Montanelli dove dal 1988 mi occupo essenzalmente di motori. Nel gennaio 2001 sono passato al Corriere della Sera dove poi sono diventato responsabile dello Sport e dei motori. Dal marzo 2006 all'aprile 2018 sono stato vicedirettore de La Gazzetta dello Sport

1 commento

  1. Avrà imparato da mr. ben8 e magari a fine anno festeggeranno per essere arrivati sesti o settimi come se avessero vinto il mondiale. Ma per favore!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.