Rassegna stampa: Hamilton contro Verstappen sfida a distanza. Ma anche #Ferrari a guida autonoma… e #Musk

Rassegna stampa dal gran premio di Russia incentrata sulla sfida a distanza tra Max e Lewis… ma ecco anche Russell ( sulla Gazzetta) e una spruzzatina di Ferrari.

 Charles Leclerc sarebbe dovuto partire per ultimo. La Ferrari gli ha cambiato la power unit. Solo che la Red Bull ha fatto lo stesso con Max Verstappen, già penalizzato in griglia di tre posizioni. Allora l’ultimo a Sochi sarà lui, il leader, atteso dal rimontone. Stefano Mancini su la Stampa avverte: Non sarà un compito semplice: quello di Sochi non è un circuito classico, è un villaggio olimpico in mezzo al quale è stata disegnata una pista in cui i sorpassi sono particolarmente complicati

Ci saranno dieci file di distanza. Hamilton ha corso le libere con pochi millesimi di ritardo da Bottas. Giorgio Terruzzi per il Corriere della sera parla di una gara come un bivio. Hamilton avrà a disposizione un rigore a porta sguarnita, Verstappen avrà a che fare con una prova di maturità attesa e ardua. Niente scazzottate con il rivale ma una quantità di sorpassi da approcciare praticando un mix tra esuberanza e filosofia Zen. Non proprio la specialità dell’olandese. Due gare in una; una doppia lettura psicologica dei protagonisti. Il termine fa orrore a Verstappen, piace ad Hamilton, abile sin qui nell’analisi dei meccanismi mentali del rivale. In più: sotto la pioggia

Su Stampa e Repubblica il resoconto della doppia intervista a Elkann e Musk sul futuro. Vi segnalo una frase del presidente ferrarista sulla Ferrari a guida autonoma. Ben detto…

Share Button
umberto zapelloni

Nel 1984 entro a il Giornale di Montanelli dove dal 1988 mi occupo essenzalmente di motori. Nel gennaio 2001 sono passato al Corriere della Sera dove poi sono diventato responsabile dello Sport e dei motori. Dal marzo 2006 all'aprile 2018 sono stato vicedirettore de La Gazzetta dello Sport

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.