Doppietta McLaren a casa nostra… Ricciardo davanti a Norris… Ferrari fuori dal podio

A casa nostra hanno vinto loro, gli inglesi. Doppietta McLaren a Monza. Uno due di Ricciardo e Norris. Nove anni dopo l’ultima vittoria (Brasile 2012 con Button) e da 11 dall’ultima doppietta (Hamilton, Button in Canada 2010), ecco il trionfo italiano con Jacobs a saventolare la bandiera a scacchi e lo spumante Ferrari nella scarpa di Daniel…

Ricciardo è stato magistrale al via quando è saltato davanti a Verstappen. Lì ha ipotecato la vittoria che sarebbe potuta arrivare anche senza il crash di Hamilton e Verstappen (vedi qui…) visto che Max aveva perduto secondi preziosi al pit stop. Norris ad un certyo punto ci ha provato, ha chiesto di passare perchè aveva un ritmo migliore, ma il team ha lasciato che le cose andassero così permettendo a Ricciardo di festeggiare una vittoria davvero super, nata dopo la buona prestazione nella Sprint Race. Vincere quando tutta l’attenzione è sul tuo giovane compagno di squadra, non era facile. “Ho fatto finta di andare piano tutto l’anno per poi sorprendervi tutti – scherza- a dire la verità dopo a pausa ho cominciato ad andare meglio”.

Dietro alle due McLaren si è infilato Bottas che partiva dal fondo ed è l’uomo che ha fatto più sorpassi di tutti. Ad un certo punto sembrava potesse vincere lui. Invece le McLaren non hanno mollato nulla…

Le Ferrari hanno chiuso al quarto posto con Leclerc e al sesto con Sainz. In mezzo a loro Perez che ha pagato 5 secondi di penalità per non aver restituito la posizone a Charles dopo un taglio. Di più la Ferrari non poteva fare. Certo brucia nel giorno in cui al box c’è il presidente Elkann e debutta il nuovo amministratore delegato Benedetto Vigna, assistere a una doppietta McLaren. Quando non vincono Mercedes o Red Bull dovrebbe vincere una Ferrari. Invece il motore di Maranello paga ancora dazio nei confronti del Mercedes (che oggi equipaggi anche la McLaren).

Share Button
umberto zapelloni

Nel 1984 entro a il Giornale di Montanelli dove dal 1988 mi occupo essenzalmente di motori. Nel gennaio 2001 sono passato al Corriere della Sera dove poi sono diventato responsabile dello Sport e dei motori. Dal marzo 2006 all'aprile 2018 sono stato vicedirettore de La Gazzetta dello Sport

1 commento

  1. Le rosse potrebbero anche non correre il gp, basterebbe assegnargli la stessa posizione con cui chiudono le prove. Non un sorpasso, il nulla assoluto. Un pò poco. Anche stavolta mr. bean8 ha visto una gara solida e positiva? ma che cosa beve dopo la gara? che occhiali usa?
    Giusta la penalizzazione a Max: se per vincere il mondiale deve giocare agli autoscontri, forse non ha capito molto (ancora) del mondo della F1.
    Ah, nel frattempo la rossa ha perduto altri punti nei confronti della Mc Laren. Il terzo posto potrebbe non essere raggiunto (con buona pace di mr. bean8)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.