Ferrari ancora senza Binotto. Mekies: “Una stagione davvero dura”

Mattia Binotto resta ancora a casa, come previsto, anche per la prima delle due tappe in Bahrain, la terzultima di un campionato in cui la Scuderia ha ancora un sogno: agguantare la terza posizione tra i Costruttori. Ci sono quattro squadre racchiuse in 24 punti. Con i 27 raccolti in Turchia, la Scuderia ha accorciato le distanze dalla terza posizione ma rimane ancora in sesta.

A guidare il viaggio in Oriente della Scuderia è ancora una volta il Direttore Sportivo Laurent Mekies. Tocca a lui raccontare l’atmosfera che si respira in squadra a tre gare dalla fine del campionato.
“Sarà la fine anomala di una stagione assolutamente anomala e, per noi, molto difficile. L’obiettivo è prolungare il trend evidenziato nelle ultime cinque gare, che ci ha visto recuperare un po’ di terreno in termini di competitività rispetto soprattutto a quelli che quest’anno sono i nostri avversari diretti”.

Da un punto di vista organizzativo che problemi pone una tripletta, per di più fuori Europa?
“Prima di tutto c’è la sicurezza della squadra, un fronte su cui non possiamo né vogliamo abbassare la guardia. Dobbiamo fare il massimo per mettere tutti nella miglior condizione di lavoro possibile, considerato il gravoso impegno sostenuto finora, con 14 gare disputate in quattro mesi. Credo che ancor più del solito sarà fondamentale il lavoro fatto da remoto a Maranello nel supportare i colleghi in pista: ogni singolo dettaglio che può aiutare a migliorare la prestazione sarà importante, sia per finire bene questo campionato sia per affinare e rendere più efficienti le nostre metodologie di lavoro per l’anno prossimo”.

Quanto è stato pesante dal punto di vista fisico e mentale per le persone in pista una stagione come quella che ci apprestiamo a chiudere?
“Non si può negare che sia stata davvero dura. La situazione creata dalla pandemia e il livello deficitario della nostra performance all’inizio hanno pesato tantissimo. Peraltro, credo che tutto quello che abbiamo attraversato ci abbia reso più forti: non abbiamo perso la bussola, non abbiamo mai mollato la presa e la voglia di migliorare e di reagire. Voglio cogliere l’occasione per fare i complimenti agli uomini e alle donne della squadra che vanno in pista e alle loro famiglie, queste ultime fondamentali, per la resilienza e lo spirito dimostrato in frangenti così difficili. Così come ci tengo a ringraziare i tifosi, che non ci hanno mai fatto mancare il loro supporto, anche se non hanno quasi mai potuto farlo dal vivo in pista”.

Da un punto di vista dell’allenamento e dell’alimentazione sono state prese misure particolari?
“Sì, abbiamo un programma su misura per il personale che va alle gare, seguito dal punto di vista medico, nutrizionale e della preparazione fisica. Anche se i vincoli imposti dalla pandemia hanno complicato le cose, non abbiamo mai diminuito l’impegno in quest’area, tutt’altro. La salute e il benessere delle persone sono centrali, soprattutto alla luce del crescente stress fisico e mentale che ci troviamo ad affrontare. In particolare, abbiamo predisposto un programma specifico per la squadra per aiutarla a rimanere in forma in queste ultime tre gare”.

La stagione in pista non si esaurirà peraltro con il Gran Premio di Abu Dhabi del 13 dicembre ma vivrà un’appendice due giorni dopo sullo stesso tracciato con il test riservato ai giovani piloti. Quali sono gli obiettivi che si pone la Ferrari per quest’ultimo atto del 2020?
“Prima di tutto lasciatemi dire un bravo a tutti i ragazzi della Ferrari Driver Academy, che stanno raccogliendo risultati importantissimi in questa stagione. Tre di loro – Mick Schumacher, Callum Ilott e Robert Shwartzman – saranno impegnati al volante, oltre ad Antonio Fuoco, che guiderà per noi con l’obiettivo di affinare il fondamentale lavoro di correlazione fra la pista e il simulatore. Riteniamo che Mick, Callum e Robert abbiano tutte le caratteristiche per ben figurare in Formula 1 e stiamo mettendo a punto un programma di crescita che permetta loro di giocarsi al meglio le proprie chance. Il test sarà un altro gradino importante in questo percorso e siamo molto ansiosi di vederli in pista prima di affrontare con loro un inverno pieno di lavoro a Maranello”.

Share Button
umberto zapelloni

Nel 1984 entro a il Giornale di Montanelli dove dal 1988 mi occupo essenzalmente di motori. Nel gennaio 2001 sono passato al Corriere della Sera dove poi sono diventato responsabile dello Sport e dei motori. Dal marzo 2006 all'aprile 2018 sono stato vicedirettore de La Gazzetta dello Sport

1 commento

  1. Visto l’esito della gara in Turchia,fossi in mr bean8, valuterei la possibilità di stare a casa in tutta la prossima stagione se facessero un terzo e un quarto posto anche in Barhain…

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.