#Formula1: rivoluzione rinviata al 2022. Come Olanda e Spagna. #MonacoGp annullato

La Formula 1 rinvia la rivoluzione. Le nuove regole che sarebbero dovute entrare in vigore nel 2021 sono state rinviate di un anno. Rinviati e non ancora annullati, anche i Gran premi di maggio: Olanda, Spagna mentre Montecarlo è stato cancellato come non accadeva dal 1950. Appuntamento a Baku, 9 giugno. Ma nessuno oggi può averne la certezza. Una scelta ragionevole e di buon senso con la Ferrari che alla fine ha fatto il bel gesto.

La F1, la FIA e tutte e 10 le squadre hanno concordato all’unanimità di ritardare l’introduzione delle regole tecniche del 2021 di un anno al 2022. Le parti interessate, riunite in teleconferenza per discutere della pandemia di coronavirus e dei suoi impatti sullo sport, alla fine hanno preso la decisione più saggia per i team.

Leggi qui: https://topspeedblog.it/dietrofront-ferrari-binotto-si-al-congelamento-delle-regole-non-si-puo-essere-egoisti/

Con una stagione che partirà a giugno, se no addirittura a luglio, i team non potevano lavorare su due progetti distinti. Così avranno più tempo per la rivoluzione prevista dalle nuove regole,

Si spera che la decisione possa alleggerire le perdite delle squadre che con meno gare in calendario quest’anno potrebbero veder crollare i loro introiti.

“Tutte le parti hanno discusso ulteriormente della situazione attuale del campionato 2020 e di come lo sport reagirà alle sfide in corso causate dalla pandemia di COVID-19 – ha dichiarato la FIA in una nota – A causa della situazione finanziaria attualmente instabile che ciò ha creato, è stato concordato che i team useranno il loro telaio 2020 per il 2021, con il potenziale congelamento di ulteriori componenti da discutere a tempo debito”.

“Tutti i team hanno espresso il loro sostegno per la FIA e la Formula 1 nei loro sforzi in corso per ristrutturare il calendario 2020 man mano che la situazione globale relativa al COVID-19 si svilupperà”.

Share Button
Annunci
umberto zapelloni

Nel 1984 entro a il Giornale di Montanelli dove dal 1988 mi occupo essenzalmente di motori. Nel gennaio 2001 sono passato al Corriere della Sera dove poi sono diventato responsabile dello Sport e dei motori. Dal marzo 2006 all'aprile 2018 sono stato vicedirettore de La Gazzetta dello Sport

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.