La #Ferrari cambia il telaio di #Vettel: operazione recupero

La Ferrari ha deciso di cambiare il telaio della SF1000 di Vettel dopo aver trovato un leggerissimo danno dovuto ad una botta su un cordolo. Nulla di preoccupante, ma si è preferito procedere con la sostituzione per dare a Seb un’iniezione di fiducia in un momento delicato.

Una mossa psicologica più che tecnica. La Ferrari non ce l’ha con Seb, ma solo fatto una scelta diversa per il futuro, ma ha tutta l’intenzione (e l’ineresse) di far finire bene la storia. Per il terzo posto tra i costruttori servono anche i suoi punti…

Il post di ieri sul caso #Vettel

“La SF1000 non presenterà aggiornamenti, ci sarà invece una novità per quanto riguarda i telai a disposizione dei piloti – ha spiegato Simone Resta -. Infatti, abbiamo deciso di sostituire quello di Sebastian dopo che nella consueta analisi fatta alla fine del secondo weekend di Silverstone si è evidenziata una piccola anomalia causata da un violento passaggio su un cordolo: nulla di particolarmente rilevante in termini di prestazione ma non c’erano motivi per non procedere in questo senso”

Comincia così l’operazione recupero. Dopo aver buttato a mare il naufrago gli si getta un salvagente. Non lo si vuole più a bordo, ma non si cerca neppure di farlo affogare. Mattia Binotto, dopo il faccia a faccia a distanza sulle strategie del Gp dell’Anniversario, gli ha spiegato che la scelta di farlo rientrare in quel momento è stata fatta per non far perdere tempo nè a lui nè a Charles… E quel secondo stop per lui era obbiligatorio visto che al primo cambio aveva montato la stessa mescola con cui era partito.

Barcellona non è pista semplice per la Ferrari, non è pista dove si possa scaricare la vettura come a Silverstone… Ma quello che si augurano in Ferrari è di vedere Seb più vicino a Charles fin dalle qualifiche.

“Arriviamo a Barcellona consapevoli che non sarà certamente un weekend facile per la Scuderia Ferrari, considerato quello che abbiamo visto nello scorso febbraio. Detto questo, nelle cinque gare fin qui disputate abbiamo lavorato tanto per cercare di migliorare il livello di prestazione della vettura e tirarne fuori tutto il potenziale – ha detto Simone Resta –
Troveremo ovviamente condizioni meteorologiche ben diverse, con temperature dell’asfalto previste ampiamente sopra i 40°C: sarà un fattore importante soprattutto per il rendimento degli pneumatici, come si è visto nelle ultime due gare disputate a Silverstone”.

Share Button
umberto zapelloni

Nel 1984 entro a il Giornale di Montanelli dove dal 1988 mi occupo essenzalmente di motori. Nel gennaio 2001 sono passato al Corriere della Sera dove poi sono diventato responsabile dello Sport e dei motori. Dal marzo 2006 all'aprile 2018 sono stato vicedirettore de La Gazzetta dello Sport

1 commento

  1. Sig Zapelloni
    Sembra che adesso solo Ferrari e Renault andranno avanti con l’apello per il discorso RP?
    Secondo me Ola ha chiamato Toto e detto Di abbassare il prezzo del motore o dare qualche pezzo del W11 a McLaren e Williams per convencerli a non andare avanti.
    Detto questo non capisco come mai la RB fa solo da aspettatore e neanche parla.
    Vedremo
    Grazie

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.