Rassegna stampa: la guerra degli Agnelli per la Ferrari

La Ferrari non ha ancora un ceo. A quasi un mese dalle dimissioni di Camilleri, il suo posto e’ ancora nelle mani del presidente Elkann…

Ecco che si scrive questa mattina su Tuttosport

“Il passaggio di Simone Resta dalla Ferrari alla Haas come direttore tecnico della squadra (satellite) di Mick Schumacher si spiega con la sofferenza a Maranello nel venire a capo del gran rebus del budget cap” scrive stamattina Giorgio Pasini su Tuttosport. “Tagliare gli ingegneri, pagando in termini di capacità e conoscenze, quindi di produrre macchine vincenti, o mantenere il più possibile l’organico tagliando gli stipendi, col rischio che alcuni tecnici siano allettati da altre proposte, insomma di una fuga di cervelli?”.

Deve occuparsene Mattia Binotto, scrive il quotidiano sportivo torinese, perché “a un mese dalle dimissioni di Louis Camilleri, non è stato ancora scelto il nuovo amministratore delegato. Anzi, sembra che l’interim del presidente John Elkann, pur assorbito dalla fusione Fca-Psa e dalla nascita di Stellantis, potrebbe durare. Anche solo per evitare di riaccendere una guerra familiare, visto che il nipote dell’Avvocato avrebbe stoppato le velleità del cugino Andrea Agnelli, disposto a lasciare la Juventus pur di coronare il sogno di un ruolo chiave in Ferrari”. 

Sarebbe insomma in atto una guerra tra cugini per la Ferrari unico marchio della casa rimasto fuori dalla fusione che ha portato a Stellantis. John vorrebbe occuparsene personalmente come ha fatto in questo mese, ma si sta rendendo conto che i troppi impegni non glielo consentirebbero… la caccia al ceo continua e Andrea si è fatto avanti… la staffetta tra cugini e’ già riuscita con la Juve in fin dei conti… ma qui c’è in gioco molto altro… vedremo…

Share Button
umberto zapelloni

Nel 1984 entro a il Giornale di Montanelli dove dal 1988 mi occupo essenzalmente di motori. Nel gennaio 2001 sono passato al Corriere della Sera dove poi sono diventato responsabile dello Sport e dei motori. Dal marzo 2006 all'aprile 2018 sono stato vicedirettore de La Gazzetta dello Sport

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.