Ecco la Ferrari in Giallo Modena per i 75 anni

Eccoli qui i nostri canarini Ferrari di Giallo Modena vestiti. Un tocco di colore per festeggiare i 75 anni sperando non siano l’unico motivo per bere bollicine italiane.

Il Rosso Antico dei 1000 Gp al Mugello era più bello, più elegante. Questo maquillage sembra più figlio del marketing che della storia, ma comunque va a legarsi ad un colore che ha scritto la storia della Casa e che allo stesso Enzo Ferrari piaceva molto, tanto che c’è chi disteneva vomesse colorare di giallo le due vetture, almeno fino a quando il rosso non divenne il colore dell’Italia.

La livrea della vettura, così come le tute e i caschi dei piloti Charles Leclerc e Carlos Sainz, saranno all’insegna del giallo per celebrare le origini della casa automobilistica attraverso uno dei colori fondamentali della Ferrari. Fin dalla nascita della Scuderia nel 1929 – e poi con la fondazione della casa automobilistica 75 anni fa – la Ferrari ha infatti proprio nel giallo, scelto da Enzo Ferrari tra i due colori dello stemma di Modena (il giallo e il blu) uno degli elementi distintivi del proprio marchio, al pari del Cavallino Rampante e della banda tricolore che si trova in alto. Un look assolutamente speciale a sottolineare una ricorrenza unica: i 100 anni dell’Autodromo Nazionale di Monza.

La livrea della F1-75 presenterà dunque diversi tocchi di giallo con inserti neri. I cambiamenti, previsti solo per questa gara, saranno visibili sull’ala anteriore, all’altezza dell’halo, sul cofano motore e sull’ala posteriore, dove sarà presente anche il logo con la celebre effe lunga in giallo su nero. Lo stesso varrà per la divisa dei piloti: il giallo è infatti da sempre parte del DNA della Casa di Maranello a fianco del rosso, il colore Ferrari per antonomasia.

Share Button
umberto zapelloni

Nel 1984 entro a il Giornale di Montanelli dove dal 1988 mi occupo essenzalmente di motori. Nel gennaio 2001 sono passato al Corriere della Sera dove poi sono diventato responsabile dello Sport e dei motori. Dal marzo 2006 all'aprile 2018 sono stato vicedirettore de La Gazzetta dello Sport

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.