#Formula Covid: 80 persone per squadra, bolle e mascherine

Tra una settimana si ripare. Tutti in Austria per la prima gara di una stagione strana. Tutti forse no visto che ci sono ei protocolli rigidissimi da rispettare… Ecco come…

Da il giornale

La Formula 1 ai tempi del Covid sembra uscita da una canzone di Mina, quella straordinaria delle mille bolle blu. La Formula 1 che la prossima settimana riaccenderà i motori in Austria, primo sport a livello internazionale a farlo, non formerà soltanto un’enorme bolla, ma ne formerà come minimo una per squadra con il divieto o quasi di avere contatti incrociati. Siamo al punto che se Suzie Stoddard, oggi signora Wolff, fosse ancora terzo pilota della Williams, non potrebbe andare a letto con suo marito Toto nei weekend di gara, anzi per dieci giorni di fila tra il Gran premio d’Austria e quello di Stiria che si correranno nel giro di una settimana al Red Bull Ring di Spielberg.

Ci saranno bolle per tutti i team così da sapere esattamente chi controllare in caso di positività. Per entrare nella super bolla sarà necessario presentarsi in Austria con un test effettuato non più di quattro giorni prima, test sierologico che poi verrà rifatto ogni 5 giorni, cioè a cavallo tra i due appuntamenti austriaci e poi prima della gara in Ungheria. “Abbiamo lavorato tutti assieme negli ultimi tre mesi per stilare un protocollo di comportamento che ci permetterà di tornare in pista con la massima sicurezza – racconta Laurent Mekies che non è il Covid manager, bensì il direttore sportivo della Ferrari – cercheremo di disputare un gran premio portando in pista solo chi è strettamente necessario. Abbiamo stabilito di limitare a 80 persone, piloti compresi, ogni team. Purtroppo non avremo il pubblico, ma non ci saranno neppure ospiti o sponsor. Non ci saranno le classiche hospitality nel paddock. Tutto sarà molto diverso da come eravamo abituati a vedere”.  Ci viene da dire che tutto sarà un po’ più triste. Ma basterà sentire i motori per fa andar via quella tristezza…

La parola d’ordine è “Safety first”. Prima la sicurezza. La Formula 1 sa che avrà addosso gli occhi del mondo perché sarà il primo sport mondiale a ripartire e non può permettersi di sbagliare. “Cercheremo di mantenere due metri di distanza tra ogni membro del team e comunque tutti dovranno indossare sempre la mascherina. In Ferrari ci stiamo già allenando a farlo andando a lavorare con la mascherina, ma un conto è indossarla in ufficio in condizioni e temperatura ideali, un altro è ritrovarsi a 40 gradi e sotto pressione. Credo che la sfida maggiore per i nostri ragazzi sarà proprio questa. E in caso di positività a casa avremo comunque una squadra allenata con uomini pronti a subentrare”. Perché la Formula 1 ha deciso che non si fermerà. In caso di positività, la persona verrà isolata e sostituita, anche se si trattasse di un pilota. “Intensificheremo comunque la presenta del personale medico, sia in pista che nell’hotel dove alloggeremo tutti”. Gli 80 uomini in rosso avranno le loro mascherine personalizzate, un po’ come le squadre di calcio che vediamo n campo in questi giorni. Rosse con scudetto e Cavallino Rampante? Probabile, ma non ancora sicuro. Come ancora in discussione è la cerimonia del podio. Ross Brawn aveva parlato di mini cerimonia in pista davanti alle auto. Senza coppe e senza champagne. Ma tra tante bolle un po’ di bollicine non guasterebbero…

Share Button
Annunci
umberto zapelloni

Nel 1984 entro a il Giornale di Montanelli dove dal 1988 mi occupo essenzalmente di motori. Nel gennaio 2001 sono passato al Corriere della Sera dove poi sono diventato responsabile dello Sport e dei motori. Dal marzo 2006 all'aprile 2018 sono stato vicedirettore de La Gazzetta dello Sport

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.