#F1 in crisi: #Williams vende, #Renault e #Mercedes restano

Gli effetti della crisi cominciano a colpire la Formula1. Era inevitabile che la crisi del settore automotive potesse avere delle conseguenze sullo sport.

  • La Williams è in vendita. Dopo aver perduto lo sponsor principale, il team è sul mercato
  • La McLaren lascerà a casa tra le 700 e le 1200 persone
  • La Renault sta valutando se proseguire o vendere
  • La Mercedes potrebbe cedere la squadra a Lance Stroll (e Toto Wolff) ottenendo in cambio Aston Martin di cui il canadese oggi è azionista di maggioranza

La Williams ha annunciato di aver cominciato il processo che porta all’individuazione di acquirenti interessati a rilevare il team: “Il consiglio d’amministrazione della Williams sta intraprendendo una revisione di tutte le opzioni strategiche disponibili per la società”, si legge nel comunicato diramato dal team che ha vinto il suo ultimo titolo nel 1997 con Villeneuve.

“Le opzioni prese in considerazione includono la raccolta di nuovo capitale per l’azione, una cessione di una quota di minoranza nella WGPH o una cessione della quota di maggioranza in WGPH, inclusa una potenziale vendita dell’intera società”.

Il team ha fatto sapere di non aver preso alcuna decisione in tal senso, anche perché la soluzione ottimale resta da valutare. Per facilitare le discussioni con le eventuali parti interessate, però, la società ha fatto sapere di aver avviato un “processo di vendita formale”.

I risultati degli ultimi anni, la poco illuminata gestione di Claire la figlia del mitico Frank, hanno messo nei guai uno dei team storico della Formula 1 che però non vince una gara dal Gp di Spagna del 2012 con Maldonado (foto in apertura).

Differenti i discorsi di Renault che sta varando un nuovo piano industriale e presto avrà il nuovo Ceo Luca De Meo e per Mercedes con il nuovo ceo Kallenius i cui rapporti con Toto Wolff non sarebbero il massimo.

Renault proprio oggi ha fatto sapere da Clotilde Delbos, responsabile finanziario di e Amministratore Delegato, che : “L’abbiamo detto pubblicamente e lo confermiamo anche ora, resteremo in Formula 1. L’annuncio dei nuovi regolamenti e dei limiti per le spese sono ottimi per noi perché potremo investire meno rispetto ad altri nostri avversari che invece lo fanno maggiormente”. Alonso? Vedremo…

Anche Mercedes è intervenuta chiarendo la sua posizione: “Le speculazioni relative a un potenziale ritiro dalla Formula 1 continuano a essere infondate e irresponsabili – è la posizione della casa tedesca – Il nostro mondo ha adottato le giuste misure per affrontare le conseguenze della pandemia e garantirsi la sua futura sostenibilità economica. Approviamo questi passi ed è nostra chiara intenzione continuare a competere in Formula 1 come Mercedes-Benz negli anni a venire, e di farlo con Toto Wolff»

Share Button
umberto zapelloni

Nel 1984 entro a il Giornale di Montanelli dove dal 1988 mi occupo essenzalmente di motori. Nel gennaio 2001 sono passato al Corriere della Sera dove poi sono diventato responsabile dello Sport e dei motori. Dal marzo 2006 all'aprile 2018 sono stato vicedirettore de La Gazzetta dello Sport

4 commenti

  1. Sig Zapelloni
    Interessante giro, inevitable vista la situazione – il COVID-19 portera grossi cambiamenti su tante industrie/business.
    Domande per lei, che decisioni prese da Claire Williams trova piu discutibili?
    Grazie

    1. Speriamo serva a salvare un team storico

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.