La resa di Vettel: “Leclerc guida a un livello superiore”

La resa di Sebastian Vettel. Di fronte all’ennesima batosta subita dal suo compagno, Seb si arrende. Sentitelo anche se non è bello sentire un quattro volte campione del mondo arrendersi così… ma purtroppo non trova più il feeling con la Ferrari…

“Non c’è niente che possa fare al momento per pareggiare quanto sta facendo Charles. Sta guidando a un livello superiore. Io faccio tutto quello che posso. Nei giri che mi soddisfano siamo ancora troppo lenti. Cerco di estrarre il meglio dalla macchina e da me stesso. Non posso fare più di così”.

“Per tutto il weekend ho faticato con le Soft. Le Medium speravo potessero andare bene, perché con le Soft avevo troppo graining. Pensavo che le Medium andassero meglio. Ma nel secondo tentativo sono stato eliminato perché non sono riuscito a farle funzionare bene e sono stato eliminato”.

“Nel primo dei due tentativi fatti in Q2 la macchina era andata bene. Per questo ho scelto ancora le medium. Poi, però, nel secondo tentativo come ho detto non sono riuscito a farle funzionare. Inoltre ho avuto un bloccaggio in Curva 3. Non erano in temperatura”.

“Oggi per me non è stata una buona qualifica. Domani sarà una giornata differente. Domani partiremo indietro e sarà molto complicato. Le proveremo tutte per recuperare anche se il traffico sarà certamente un problema pur avendo una macchina più veloce di alcuni piloti che ho davanti. Sarò nel traffico tutto il tempo”.

“Una buona qualifica quella di oggi pomeriggio – ha detto Laurent Mekies – in cui con Charles abbiamo ripetuto il piazzamento di due settimane fa, pur su un circuito e in condizioni climatiche molto differenti. Avevamo portato qui ulteriori aggiornamenti sulla SF1000 che hanno dato – per quello che abbiamo visto finora – qualcosa in più in termini di prestazione: niente di trascendentale, ne siamo perfettamente consapevoli, ma abbastanza per rimetterci nel pieno della lotta in quel gruppone alle spalle dei primi tre piloti in cui le differenze sono molto piccole. È importante comunque che gli sviluppi ci confermino che stiamo andando nella direzione giusta. Vale per la parte finale di questa stagione ma, soprattutto, per la prossima.
La squadra ha lavorato bene, cercando di mettere i piloti nelle migliori condizioni possibili su una pista difficile e senza punti di riferimento come questa. Domani ci aspetta una gara piena di punti interrogativi, sia perché su questo tracciato non si è mai corso un Gran Premio sia perché le previsioni meteorologiche sono molto incerte. Considerate le nostre difficoltà con le mescole più soffici, abbiamo provato a passare il taglio di Q2 con le Medium in prospettiva della gara. Charles ha trovato subito la giusta confidenza nel primo run ed è riuscito a centrare l’obiettivo e domani avrà così un’importante carta da giocarsi dal punto di vista della strategia. Sebastian era molto al limite dopo il primo tentativo e in queste situazioni diventa fondamentale il feeling del pilota: è per questo che ha preferito restare sulle Medium anche per il secondo ma non è riuscito a migliorarsi abbastanza da passare il turno e dovrà così partire dall’ottava fila”.

Share Button
umberto zapelloni

Nel 1984 entro a il Giornale di Montanelli dove dal 1988 mi occupo essenzalmente di motori. Nel gennaio 2001 sono passato al Corriere della Sera dove poi sono diventato responsabile dello Sport e dei motori. Dal marzo 2006 all'aprile 2018 sono stato vicedirettore de La Gazzetta dello Sport

1 commento

  1. […] ovviamente e non trova che la SF1000 sia migliorata più di tanto. Riconosce i meriti di Charles (leggi qui) e aggiunge che: “i miglioramenti sono probailmebnte dovuti al tipo di pista con grande carico […]

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.