Pagelline ungheresi: 10 a Ocon, 9 ad Alonso e fortunello Hamilton arriva all’8 come Max

Pagelline di un altro gran premio pazzo, quello d’Ungheria vinto a sorpresa dall’Alpine di Ocon. Nel giorno dell’oro italiano è mancato l’acuto della nazionale rossa…

10 a Esteban Ocon. Ha avuto l’occasione e l’ha sfruttata fino in fondo senza sbagliare nulla quando si è ritrovato a sorpresa davanti a tutti. Ha corso quasi trecento chilometri con Vettel negli specchietti e non gli ha mai aperto uno spiraglio. Giornata da favola per l’Alpine e i suoi italiani d’oro Luca De Meo e Davide Brivio.

9 a Fernando Alonso. Un pezzo della vittoria Alpine è sua. Quella decina di giri in cui è riuscito a rallentare Hamilton ha regalato a Ocon secondi preziosi. Alonso che gioca di squadra è davvero qualcosa di nuovo. Chissà che a 40 anni non abbia imparato qualcosa.

8 a Pierre Gasly. Ha evitato con una magia i rottami che gli volavano attorno al via e poi si è preso il lusso di ottenere il punticino del giro più veloce togliendolo a Hamilton.

8 anche a Lewis Hamilton. Bravo, fortunato e di nuovo in testa al mondiale. La Pole lo ha tenuto lontano dai guai al via, il suo box non lo ha aiutato a prendere la decisione giusta alla ripartenza. Si è dovuto ricostruire il castello crollato. Ma credo si sua divertito un sacco.

8 a Max Verstappen. Ha portato in fondo una Red Bull trasformata in catorcio. Altri si sarebbero ritirati. Sfortunello Max , due punti in due gare e per colpe non sue…

7 a Sebastian Vettel. Lui ha fatto il suo, anche se un po’ di aggressività in più mi avrebbe fatto piacere… e la squalifica per mancanza di benzina nel serbatoio è una beffa atroce che non ci voleva…

6 a Carlos Sainz. Lo hanno catapultato sul podio a tempo scaduto. Un premio meritato. Se non fosse rimasto intruppato nel traffico dei box però avrebbe potuto puntate alla vittoria. Non capisco però perché Alonso sua riuscito a tenere dietro Hamilton più di 10 giri e lui invece abbia ceduto subito…

5 alla Aston Martin. E facciamolo questo pieno prima di partire… dai…

4 alla Mercedes. L’unica a non richiamare il suo pilota al via per montare gomme da asciutto. Il tutto dopo che Lewis aveva detto questa è pista da slick… un errore inspiegabile.

3 all’Alfa Romeo che ai box continua a combinare qualche pasticcio di troppo. Kimi e Antonio non lo meritano.

2 a Valtteri Bottas. Ha sbagliato punto di frenata come un dilettante. Ha combinato un pasticcio enorme pur facendo un grande favore a Hamilton e alla Mercedes. Non è una stella ma errori così non sono dai lui.

1 a Lance Stroll. Ha fatto ancora peggio di Bottas e non perché ha eliminato una Ferrari… non si capisce proprio quando volesse frenare…

0 ai commissari perché hanno bellamente ignorato quei rientri in pista dopo che la corsia box si era trasformata in un’autostrada italiana… qualcuno e non solo Kimi, andava punito.

Share Button
umberto zapelloni

Nel 1984 entro a il Giornale di Montanelli dove dal 1988 mi occupo essenzalmente di motori. Nel gennaio 2001 sono passato al Corriere della Sera dove poi sono diventato responsabile dello Sport e dei motori. Dal marzo 2006 all'aprile 2018 sono stato vicedirettore de La Gazzetta dello Sport

5 commenti

  1. Rimontare dal 14 posto al terzo (poi diventato secdondo per squalifica di Vettel) vale solo un 8 in un circuito dove è pressochè impossibile sorpassare? Il sorpasso a Tsunoda lo ha visto? in un punto dove si viaggia a 250 km/ora e dove credo nessun’altro ci abbia tentato?
    Non c’è stato nessun altro pilota che ha eseguito più sorpassi; è vero che altri non hanno la Mercedes tra le mani ma dare 6 a Sainz che si è trovato un terzo posto da difendere e non è nemmeno riuscito a fare ciò con una macchina che, teoricamente, è migliore della Alpine che pilota Alonso le sembra corretto? Ah ma mr. bean8ha detto che le prestazioni di ieri non erano colpa della rossa. E certo, era bravo Hamilton a guadagnare 7/8 decimi a giro, mica scarsa la ferrari a perderli…

    1. Hamilton ha solo una macchia non essere rientrato subito a cambiare gomme… per il resto gara super con auto cha andava il doppio della concorrenza però

  2. Le gomme di Sainz, al contrario di quelle di Hamilton ed Alonso, avevano già subito un grosso degrado. Non poteva difendersi. Quanto al 4 alla Mercedes, chiaro che avrebbero dovuto fermare Hamilton. Ma l’errore non è inspiegabile: semplicemente, hanno considerato che fermandosi avrebbero perso numerose posizioni (per evitare un unsafe release)

    1. Però non fermandosi ne hanno perse 15….
      Su Sainz vero anche che era in fuel saving, ma un po’ più di resistenza…

    2. Però Alonso ha resistito molto più di Sainz. Hamilton ha cambiato al 47° giro, Sainz al 32°. Se avessero voluto, anche in ferrari avrebbero potuto adottare la stessa tattica.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.