Red Bull e Ferrari la strana alleanza: ma è solo per il DTM non abbiate paura

Ferrari e Red Bull insieme. La strana alleanza viene dal DTM dove Red Bull tornerà in pista supportando una coppia di Ferrari 488 GT3 Evo 2020 preparate da AF Corse, tre volte vincitore della 24 Ore di Le Mans.

No non preoccupatevi non si tornerà al 2006 quando la Ferrari forniva i motori alla Red Bull. Anche se ancora non è chiaro con che motori gareggerà Red Bulla dalla prossima stagione (rileverà gli Honda alla fine…), è da escludere che possa tornare a chiedere una fornitura a Maranello, anche perchè sarebbe la stessa Ferrari a non starci… Immaginatevi una Red Bull Ferrari davanti a una Ferrari che effetto farebbe…

In pista con le Ferrari nel DTM ci sarà invece Alexander Albon uomo Red Bull in Formula 1 la scorsa stagione. Con lui ci sarà Liam Lawson (NZL) che correrà un’intera stagione nell’abitacolo della Red Bull, mentre Alexander Albon (THA) e Nick Cassidy (NZL) condivideranno il volante dell’auto che porta i colori del marchio di moda Premium di Red Bull: AlphaTauri.

Da quando ha vinto la sua gara di debutto nel 2016, la 488 GT3 con motore turbo ha ottenuto lo status di uno dei modelli di maggior successo nella storia della Ferrari, con un totale complessivo e di classe (attraverso la 12 Ore del Golfo di gennaio) di 355 vittorie, 640 podi e 91 campionati in 636 gare. 
In più, il team AF Corse ha ottenuto numerosi titoli nel Campionato Mondiale di Endurance, oltre alle vittorie di Le Mans. Il Team Principal e proprietario Amato Ferrari afferma: “Questa sfida è iniziata grazie a Gerhard Berger, è sua l’idea. In poco tempo abbiamo raggiunto, con grande entusiasmo, l’accordo per lavorare con Red Bull. Abbiamo una sola ambizione: la vittoria – continua Ferrari -. Considerando i marchi coinvolti, ci sono tutti i requisiti per ambire al successo“.

Share Button
umberto zapelloni

Nel 1984 entro a il Giornale di Montanelli dove dal 1988 mi occupo essenzalmente di motori. Nel gennaio 2001 sono passato al Corriere della Sera dove poi sono diventato responsabile dello Sport e dei motori. Dal marzo 2006 all'aprile 2018 sono stato vicedirettore de La Gazzetta dello Sport

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.