Una Ferrari che vince a Monza: Tonzilla is back… primo centro stagionale negli eSports

C’è un Ferrari che vince a Monza anche quest’anno. Non è quella di Charles Leclerc, ma quella virtuale di David Tonizza, in arte Tonzilla, pilota di punta della Ferrari Driver Academy Esports Team.

Per il campione del mondo in carica è la prima vittoria stagionale, la quinta della carriera.

Al via Tonizza che aveva conquistato la Pole, ha mantenuto la prima piazza davanti al leader della classifica iridata Jarno Opmeer (Alfa Romeo) e al compagno di squadra Bonito. La situazione è rimasta invariata fino all’ottavo giro, quando i primi due della classifica sono rientrati al box per passare da gomme Soft a Medium. A rimanere fuori è stato il due volte campione del mondo Brandon Leigh (Mercedes), partito con gomme Medium.

“Tonzilla” anche dopo il pitstop si è ritrovato in testa, inseguito da piloti agguerritissimi. Eppure è stato in grado di mantenere sempre i nervi saldi, anche quando a Opmeer si è aggiunto un Leigh scatenato, che ha raggiunto i primi due ma non è mai riuscito ad attaccarli. David è stato perfetto fino in fondo e ha passato il traguardo con due decimi di vantaggio su Opmeer e meno di un secondo su Leigh per conquistare la quinta vittoria della carriera nella F1 Esports Series.

Enzo Bonito, finito dietro a Leigh al pit stop, ha perso la quarta posizione a vantaggio di Frederik Rasmussen (Red Bull) nel finale ma ha comunque ottenuto un quinto posto importante che permette all’FDA Hublot Esports Team di risalire al quarto posto nella classifica costruttori.

Prossimo round. La F1 Esports Series 2020 si concluderà il 9 e 10 dicembre con le ultime tre gare in programma: il Gran Premio del Giappone a Suzuka, quello del Messico a Mexico City e quello del Brasile a Interlagos.

Share Button
umberto zapelloni

Nel 1984 entro a il Giornale di Montanelli dove dal 1988 mi occupo essenzalmente di motori. Nel gennaio 2001 sono passato al Corriere della Sera dove poi sono diventato responsabile dello Sport e dei motori. Dal marzo 2006 all'aprile 2018 sono stato vicedirettore de La Gazzetta dello Sport

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.