Daniela l’angelo di #Alex, uno dei segreti di #Zanardi

Daniela è il suo angelo, la metà che lo richiama alla realtà e mette a freno la sua irrazionalità. Alex farebbe lo Zanardi 24 ore al giorno per sette giorni a settimana. Ma neppure Superman reggerebbe ai suoi ritmi e allora interviene lei, Daniela Manni, sua moglie dal 1996, sua compagna complice da più di 30 anni.

Daniela fa un lavoro difficile, fa la moglie di Alex. Se lei è stata fortunata a trovarlo, non sapete quanto lo è stato lui. Mette ordine nella sua agenda, lo trascina via da eventi dove lui si fermerebbe a parlare tutta notte dimenticandosi che il mattino dopo deve essere a trecento chilometri di distanza. Lo richiama alla realtà, anche se nulla può quando si mette in testa nuove sfide e nuove avventure. Alla sua cocciutaggine agonistica non si può mettere freno…

Era di fianco a lui in Germania nel 2001, è di fianco a lui adesso a Siena. È stata lei a dire ai medici “operatelo solo se c’è una speranza… non voglio accanimento terapeutico”. Quella speranza nonostante il “fracasso facciale”, termine medico che non ha bisogno di spiegazioni perché rende terribilmente l’idea, c’è e continua a esserci. Dobbiamo solo avere fede anche se la strada da percorrere sembra ancora più in salita di quella percorsa nel 2001 quando Alex perse le gambe e quasi tutto il sangue ma non aveva avuto problemi neurologici nonostante i sette arresti cardiaci.

Anche questa volta sembrava già andato dopo lo schianto. Già andato prima di entrare in sala operatoria. Invece è lì che lotta come ha sempre fatto con Daniela (oggi sorretta da Nicolò che nel 2001 era un bambino) a guardarlo con un amore speciale.

Ps. Daniela è quella che vedete in questa foto, non quella comparsa questa mattina nelle prime pagine del Corriere. Cose che capitano, anche se non dovrebbero…

Altri post su Alex


Alex ti voglio bene, non mollare! #Zanardi un eroe dei tempi moderni
#Zanardi il più grande modello di #Bmw torna al volante
#Zanardi 18 anni dopo l’incidente è sul podio Mondiale. Grazie Alex
Zanardi: senza gambe vado più veloce
I consigli di #Zanardi: stiamo calmi e batteremo questo nemico
Le nuove sfide di #Zanardi: #InsiemePerRipartire

Share Button
Annunci
umberto zapelloni

Nel 1984 entro a il Giornale di Montanelli dove dal 1988 mi occupo essenzalmente di motori. Nel gennaio 2001 sono passato al Corriere della Sera dove poi sono diventato responsabile dello Sport e dei motori. Dal marzo 2006 all'aprile 2018 sono stato vicedirettore de La Gazzetta dello Sport

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.