F1 Heroes by Colombo e Terruzzi. Non perdetelo!

La coppia che firma il volume è una garanzia di successo. Gli scatti di Ercole Colombo e le parole di Giorgio Terruzzi sono un sodalizio consolidato da tempo e dopo il bel volume su Senna ecco quello sugli eroi della Formula 1. “F1 Heroes”, edito da Skira (35 euro) è un libro da leggere e da sfogliare, un racconto degli oltre Settant’anni di questo sport che continua ad entusiasmarci. Si passa dal bianco nero al colore con le immagini di Ercole (e non solo, ovviamente, negli anni Cinquanta non era ancora lì a bordo pista… ) e si resta a livelli altissimi con i testi di Giorgio.

Ci sono immagini di gare indimenticabili, ma anche immagini dietro le quinte, ai box, dentro i box e lontano dai circuiti. “Una lunga ed emozionante avventura narrata attraverso le migliori immagini di piloti eroici, scattate dai migliori fotografi. Una storia agonistica, umana e tecnologica lunga più di settant’anni. Piloti, campioni, uomini capaci di compiere atti strabilianti, magnifici, votati a un mestiere che correre comporta mettere in pista, oltre al proprio talento, la propria vita”.

Dal primo Campionato Mondiale vinto nel 1950 da Giuseppe “Nino” Farina all’epopea di Lewis Hamilton, passando attraverso tutte le leggende della Formula 1: Alberto Ascari, Juan Manuel Fangio, Niki Lauda, Ayrton Senna, Alain Prost, Michael Schumacher…. senza dimenticare Michele Alboreto o Alex Zanardi che la Formula 1 l’ha solo sfiorata.

Ci sono gli uomini che sono entrati nel cuore di tutti come Senna, Villeneuve e Schumacher. “Figure che hanno segnato un tempo, la storia del motorismo. Vincitori e vinti, riuniti in una galleria dentro la quale ciascuno di noi riconosce un volto, un gesto, un istante della propria vita. Campioni in trionfo, campioni perduti. Amatissimi tutti perché portatori di una frenesia, di una gioia indimenticabile, di un dispiacere profondo”. E campioni che hanno comunque lasciato il segno. James Hunt che si fuma una sigaretta seduto sulla sua monoposto accando alla bionda del giorni. Valentino in visita da Schumacher. Il povero Jules Bianchi. C’è anche il Papa Giovanni Paolo II in visita a Fiorano.

Share Button
umberto zapelloni

Nel 1984 entro a il Giornale di Montanelli dove dal 1988 mi occupo essenzalmente di motori. Nel gennaio 2001 sono passato al Corriere della Sera dove poi sono diventato responsabile dello Sport e dei motori. Dal marzo 2006 all'aprile 2018 sono stato vicedirettore de La Gazzetta dello Sport

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.