#ForumAutomotive: “Va rinnovato il parco circolante”

La mobilità sta cambiando, per capirlo ci basta guardarci attorno. Monopattini, bici a pedalata assistita. moniruota che sembrano usciti da un film di fantascienza e poi sempre più auto attaccate alla spine. Completamente elettriche o ibride plug-in. Dallo scorso mese il Foglio mi ha affidato un inserto mensile sull’argomento (in edicola il terzo martedì di ogni mese).

#ForumAutomotive, il movimento di opinione sulla mobilità, ideato e ben alimentato da Pier Luigi Bonora, ha tenuto in questi giorni una serie di interessanti tavole rotonde sul momento. Eccovi qualche spunto di riflessione..

Ad aprire il confronto tra istituzioni e filiera dell’auto è stato l’intervento dell’On. Gianluca Benamati, Vice Presidente della Commissione Attività produttive della Camera: “Gli incentivi hanno dato un buon risultato sul fronte delle vendite e della riduzione delle emissioni medie. E’ stato un errore non rifinanziare nel DL Agosto le fasce che li hanno già esauriti. Dobbiamo accompagnare l’attuale sistema verso le nuove alimentazioni. Con i fondi europei di Next Generation partirà un piano generale per l’automobile”.

Il secondo intervento istituzionale è stato a cura dell’On. Giuseppe Donina, Membro della Commissione Trasporti della Camera dei Deputati, il quale ha sostenuto la necessità di rivedere in maniera sistemica il Codice della Strada e non attraverso interventi estemporanei, come recentemente avvenuto nel DL Semplificazione: “Spingeremo per proseguire nei prossimi mesi con una politica di incentivi volta alla riduzione delle emissioni”.
Paolo Scudieri, Presidente di ANFIA, si è detto positivamente impressionato dalla concretezza degli interventi dei due rappresentanti istituzionali sul mondo automotive che “negli scorsi mesi è stato colpito da una tempesta perfetta. La priorità per ANFIA è oggi dare supporto a ricerca e innovazione, attirando il meglio delle conoscenze per esprimere quanto richiesto dal mercato”. 

Il raffronto con gli altri mercati europei è stato al centro dello speech di Toni Purcaro, Presidente DEKRA Italia e Head of DEKRA Region Central East Europe & Middle East: “Si sta guardando ai prossimi mesi come una grande opportunità per un ripensamento della filiera della mobilità anche grazie alle possibilità tecnologiche oggi presenti e alle infrastrutture da realizzare. Con un impatto molto positivo sulla sicurezza su strada”.

Michele Crisci, Presidente di UNRAE, ha poi criticato il meccanismo sbagliato di stop&go degli incentivi: “I beni durevoli, come l’auto, richiedono un approccio strategico. Se la Legge di Bilancio non porterà avanti un sistema di incentivazione, si sarà prodotto solo un’anticipazione di acquisti, senza concreto impatto sul parco circolante. Una strategia efficace deve essere sostenibile ambientalmente ed economicamente e
basata sulla neutralità tecnologica. Della strategia dovranno far parte le infrastrutture e la leva fiscale”.
Claudio Spinaci, Presidente UNEM (ex Unione Petrolifera), ha affermato la possibilità di contribuire alla decarbonizzazione attraverso i low carbon fuel: “Il settore dei carburanti ha vissuto forti perdite nel 2020 e
non abbiamo certezze su come si risolverà questa fase”.
Tra i comparti più impattati dalla crisi c’è senza dubbio il noleggio. Il Presidente di ANIASA – Massimiliano Archiapatti – ha ricordato come il noleggio sia oggi protagonista della mobilità sostenibile non solo per la
propria flotta, tutta Euro 6, ma anche per l’usato fresco che produce e mette ogni anno sul mercato: “Gli incentivi sull’usato consentirebbero di raggiungere fasce di popolazione con minore possibilità di spesa, non
toccati dai bonus sul nuovo”.
Sugli incentivi sull’elettrico si è soffermato Dino Marcozzi, Segretario Generale di Motus-E: “Quest’anno arriveremo a 28.000 vetture elettriche in Italia, con un +300% di vendite nonostante il COVID-19. In
Germania nel solo mese di settembre ne sono state vendute 20mila. Per supportare una più ampia diffusione dell’elettrico abbiamo bisogno di incentivi e soprattutto di nuove infrastrutture”.
Geronimo La Russa, Presidente di ACI Milano, ha evidenziato come senza incentivi anche l’elettrico non riuscirebbe a diffondersi: “Tutte le categorie di veicoli di ultima generazione vanno incentivate in questa
fase, con l’obiettivo di accelerare lo svecchiamento del parco auto e aiutare le famiglie italiane”.
“Anche nel campo delle due ruote si iniziano ad avvertire primi segnali di criticità”, ha sostenuto Pier Francesco Caliari, Direttore Generale Ancma, “l’incentivo all’acquisto di due ruote elettriche è fondamentale, per questo chiediamo bonus strutturali”.
Michela Capoccia, Responsabile Innovazione Transizione Energetica e Mobilità Sostenibile Gruppo SAPIO, ha osservato come: “E’ stato un anno di svolta per l’idrogeno che oggi offre ampie potenzialità. La vera
sfida è garantire una produzione su larga scala, rendendo questa risorsa economicamente sostenibile. Tutto con l’obiettivo di decarbonizzare diversi settori, tra cui la mobilità”.

Share Button
umberto zapelloni

Nel 1984 entro a il Giornale di Montanelli dove dal 1988 mi occupo essenzalmente di motori. Nel gennaio 2001 sono passato al Corriere della Sera dove poi sono diventato responsabile dello Sport e dei motori. Dal marzo 2006 all'aprile 2018 sono stato vicedirettore de La Gazzetta dello Sport

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.