Leclerc: “Non mi piace sognare, ma in Ungheria…”

La Ferrari sogna il colpaccio da podio in Ingheria. E’ difficile che a Budapest qualcuno possa inserirsi nella lotta tra Verstappen e Hamilton che si giocano il titolo d’inverno della Formula 1. Hanno 8 punti di distacco tra loro. Lewis punta all centesima vittoria, Max non sa ancora se potrà usare in gara il motore che aveva sulla vettura dello schianto di Silverstone (“Ci è costato 1,8 milioni di dollari”, ha detto Horner). Ma…

Qualche ambizione ce l’ha però la Ferrari…

“Non mi piace sognare, voglio essere realista. Ma questa sulla carte dovrebbe essere una delle piste migliori per noi”. Charles Leclerc spalanca la porta dei sogni ferraristi arrivando all’Hungaroring dove le Rosse hanno vinto 7 volte nella loro storia, una volta, vent’anni fa, conquistando addirittura il titolo mondiale con Michael Schumacher. “Non credo che saremo competitivi come a Monaco o a Silverstone perchè comunque Mercedes e Red Bull sono superiori. Però non si sa mai. se ci sarà un’opportunità io ci poroverò. L’obbiettivo realistuco per ora è stare davanti a tutti gli altri”.

Vedi qui HungarianGp: istruzioni per l’uso di Budapest. Vertappen-Hamilton a chi il girone d’andata?

“È una pista molto difficile, molto tecnica, devi essere molto, molto morbido nella guida” ha aggiunto Charles “Io tendo ad avere uno stile di guida un po’ più aggressivo e sembra che qui abbia avuto qualche problema in più rispetto ai miei compagni di squadra in passato, quindi lavorerò su questo e cercherò di migliorami in questo fine settimana”

Share Button
umberto zapelloni

Nel 1984 entro a il Giornale di Montanelli dove dal 1988 mi occupo essenzalmente di motori. Nel gennaio 2001 sono passato al Corriere della Sera dove poi sono diventato responsabile dello Sport e dei motori. Dal marzo 2006 all'aprile 2018 sono stato vicedirettore de La Gazzetta dello Sport

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.