Russell con Hamilton: Mercedes avrà il coraggio di rallentarlo?

Dopo l’annuncio di Bottas all’Alfa Sauber, ecco quello di Russell alla Mercedes. Era ormai scontato, ma fa un certo effetto perchè segna un cambiamento di rotta per il team di Toto Wolff. Non più un secondo pilota disposto a sacrificarsi di fianco a Lewis, ma un ragazzo a cui sarà difficile, se non impossibile, chiedere di alzare il piede per favorire il campionissimo.

Puntando su Russel, da anni in orbita Mercedes, Toto Wolff ha pensato al futuro, al dopo Hamilton dando un volante a uno dei ragazzi più promettenti della nuova generazione come ha avuto modo di dimostrare quando l’anno scorso ha potuto sostituire Hamilton colpito dal Covid. E’ dai tempi di Rosberg che la Mercedes non aveva una coppia potenzialmente esplosiva. Allora qualche problema ci fu (ricordate Barcellona e la prima vittoria di Max)… vedremo.

Di una cosa adesso però possiamo essere certi: la coppia Ferrari non sarà più la più forte del Mondiale…

“Non mi faccio illusioni sulla portata della sfida; sarà una fase di apprendimento tosta – ha detto Russell – Valtteri ha alzato molto l’asticella, costantemente settimana dopo settimana, centrando vittorie, pole position e aiutando a vincere diversi titoli. Il mio obiettivo deve essere quello di ricompensare la fiducia che Toto, la squadra e il consiglio hanno riposto in me assicurandomi di fare la mia parte nel continuare quel successo e voglio rendere orgogliosi i miei nuovi compagni di squadra”.

“Uno di questi è secondo me il più grande pilota di tutti i tempi. Ho ammirato Lewis da quando ero nei go-kart e l’opportunità di imparare da qualcuno che è diventato un modello sia in pista che fuori può solo che farmi bene, sia da pilota professionista che da essere umano”.

“È un giorno speciale per me personalmente e professionalmente, ma anche di emozioni contrastanti. Sono eccitato, ma resto anche umile nell’unirmi alla Mercedes l’anno prossimo, che è un enorme passo avanti per la mia carriera; significa anche che dirò addio ai miei compagni di squadra e amici alla Williams”.

“È stato un onore lavorare al fianco di ogni membro del team, oltre che rappresentare il nome Williams in F1. Da quando mi sono unito a loro nel 2019, abbiamo lavorato instancabilmente per spingerci l’un l’altro a migliorare e riportare il team ai vertici della griglia di partenza, dove dovrebbe essere”.

“Abbiamo lottato per ogni posizione in qualifica, ogni punto e ogni decimo di secondo. Non importa quanto sia stata dura, nessuno si è mai arreso, e questo mi ha caricato ogni giorno. Ho amato ogni momento in quella che descriverei come una vera squadra da corsa del cuore e dell’anima, e mi impegnerò al massimo per assicurarmi di finire la nostra storia nel miglior modo possibile”.

“Non è stata una scelta facile o una decisione semplice per noi – ha dichiratao Toto – . Valtteri ha svolto un lavoro fantastico nelle ultime cinque stagioni e ha dato un contributo essenziale al nostro successo e alla nostra crescita. Insieme a Lewis, ha costruito una partnership di riferimento tra due compagni di squadra nello sport, e questa è stata un’arma preziosa nelle nostre battaglie per il campionato e ci ha spinto a raggiungere un successo senza precedenti. Avrebbe assolutamente meritato di restare con la squadra, e sono contento che abbia potuto scegliere un’entusiasmante sfida con l’Alfa il prossimo anno per continuare la sua carriera ai massimi livelli di questo sport; farà per sempre parte della famiglia Mercedes”.

“In attesa del 2022, siamo molto felici di confermare che George avrà l’opportunità di fare il prossimo passo nella sua carriera e unirsi alla Mercedes. È stato un vincitore in ogni categoria di corse e le ultime tre stagioni con la Williams ci hanno dato un assaggio di ciò che il futuro potrebbe riservargli in F1. Ora, tpoccherà a noi aiutarlo a continuare a imparare al fianco di Lewis, il più grande pilota di F1 di tutti i tempi. Sono fiducioso che man mano la loro relazione crescerà, porteranno altri grandi risultati a Mercedes. Ora che abbiamo chiari i piani 2022 ci siamo tolti un peso e la nostra attenzione può tornare alle ultime nove gare di questa stagione e mettercela tutta per vincere”

Share Button
umberto zapelloni

Nel 1984 entro a il Giornale di Montanelli dove dal 1988 mi occupo essenzalmente di motori. Nel gennaio 2001 sono passato al Corriere della Sera dove poi sono diventato responsabile dello Sport e dei motori. Dal marzo 2006 all'aprile 2018 sono stato vicedirettore de La Gazzetta dello Sport

1 commento

  1. Mi scusi, ma su quali basi la coppia in rosso sarebbe stata la coppia più forte del mondiale? sono ottimi piloti ma, se non supportati da una macchina all’altezza, non vincono nulla ed è li da vedere. A mio parere la coppia più forte sarà comunque quella che avrà tra le mani un volante Mercedes o un compagno di squadra di nome Max con la situazione attuale. Bottas (e prima Rosgerg) sono quasi sempre arrivati dietro ad Hamilton nei mondiali fin qui disputati dal 2014 (a parte due volte in cui secondo è arrivato Vettel e una volta che invece ha vinto Rosberg). Quanto alla RB rimane solo da capire chi sarà in grado di guidarla come la guida Max ed allora sì che sarà una coppia molto forte. La macchina ha le potenzialità ma l’unico che riesce a sfrutarla, finora, è Max. La ferrari ha due ottimi piloti ma non ha le potenziali, ancorchè mr. bean8 veda progressi in un una macchina che è arrivata doppiata al traguardo.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.