Tra Hamilton e la pole numero 100 non c’è soltanto Max… Ferrari in progresso

Lewis Hamilton ha fatto segnare il miglior tempo nella seconda sessione di libere a Portimao in 1’19”837. Dietro di lui la Red Bull di Verstappen e l’altra Mercedes di Bottas. Quarto Carlos Sainz con la Ferrari, settimo Charles Leclerc cheha utilizzato un fondo differente rispetto al compagno.

Hamilton-Verstappen, la sfida continua anche in Portogallo con Bottas che ha voglia di mettersi in mezzo ai due litiganti come ha fatto nelle prove del mattino con quello che è rimasto il miglior crono di giornata (1’19″648). Lewis punta alla centesima pole della carriera, una serie incominciata in Canada nel 2007 alla sesta gara della sua carriera. Dovrà battere Max e anche il suo compagno di squadra. Perez non sembra della partita, è sempre stato più efficiente in gara che sul giro secco.

La Ferrari ha portato in pista un nuovo fondo provato da Charles al mattino e da Sainz al pomeriggio. Sembra uno sviluppo interessante. E’ positivo vedere una Ferrari così battagliera con novità in pista ad ogni gara. Un bel modo di cominciare una stagione in cui la parola d’ordine avrebbe dovuto essere “congelamento”. La Ferrari sta lavorando sodo per inseguire il terzo posto nel mondiale costruttori. Dopo le prime prove, oltre alla McLaren, sembra poter tornare in gioco anche l’Alpine con Alonso che è stato il più rapido nel terzo settore della pista di Portimao.

L’obbiettivo della Ferrari è strappare un posto in seconda fila e poi cercare di approfittare della situazione in gara sognando di avvicinarsi al podio… Oggi non si può puntare a nulla di più.

“È stato un buon inizio di weekend – ha detto Leclerc – Oggi guidare è stato proprio divertente poiché la pista era scivolosa e resa ancora più insidiosa dal vento. A me piace quando ci sono queste condizioni, perché si gira sempre al limite.
Nella seconda sessione, in particolare, c’erano molte raffiche in pista.
Abbiamo completato il programma di giornata e mi pare che siamo abbastanza competitivi. Sul giro secco mi sono sentito particolarmente a mio agio, mentre sul passo credo ci sia ancora del lavoro da fare. Direi che è l’ambito nel quale dobbiamo migliorare.
Anche questa volta le vetture sono molto vicine fra loro e in qualifica come in gara potrà fare la differenza chi commetterà meno errori. Spero che ci attenda un weekend positivo come è stata questa prima giornata”.

“Un altro venerdì molto positivo, un’altra giornata per fare esperienza sulla macchina.- ha invece detto Sainz – Oggi ho guidato in condizioni molto diverse rispetto alle prime due gare, ed è quello che serve per continuare a imparare. In Bahrain e a Imola c’era molto grip mentre qui a Portimao è piuttosto scivoloso, e in più oggi c’era parecchio vento. Mi piace quando devo cercare aderenza dove non c’è, comunque! Mi sono divertito a correre qui, l’anno scorso.
Sono totalmente focalizzato sulle qualifiche di domani. A Imola abbiamo visto che non serve comparare i nostri tempi del venerdì con quelli delle altre squadre. Credo che la chiave del weekend sia lavorare sulle gomme, perché oggi abbiamo avuto tempi simili sulle Soft e sulle Medium. Dobbiamo capire come reagisce la vettura con le varie mescole, come scaldare le gomme nella maniera ideale e valutare il momento migliore per centrare il giro veloce. Al lavoro per domani, dunque. Vamos!”.

Share Button
umberto zapelloni

Nel 1984 entro a il Giornale di Montanelli dove dal 1988 mi occupo essenzalmente di motori. Nel gennaio 2001 sono passato al Corriere della Sera dove poi sono diventato responsabile dello Sport e dei motori. Dal marzo 2006 all'aprile 2018 sono stato vicedirettore de La Gazzetta dello Sport

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.