Elkann lettera agli azionisti Exor: Ferrari tra pista e collezioni lifestyle

John Elkann è sceso in campo per difendere la Juve respingere ogni accusa (vedi qui) nella lettera agli azionisi Exor che è sttata resa pubblica questa mattina. Ovviamente il presidente ha parlato anche di Ferrari, ma l’impressione è che non sia stato altrettanto incisivo. Giudicate voi

“Ferrari ha chiuso il 2022 con risultati record, tra cui il fatturato di €5,1 miliardi (+19% rispetto all’anno precedente) e un EBITDA rettificato di €1,8 miliardi (margine del 35%)…Il suo piano strategico presentato da Benedetto Vigna prevede che entro il 2026 i motori a combustione interna (ICE) rappresenteranno il 40% dell’offerta, mentre il restante 60% sarà costituito da ibridi e full electric. Grazie allo scatto in avanti nell’evoluzione della sua gamma, Ferrari prevede un aumento del fatturato a €6,7 miliardi entro il 2026 e un margine EBITDA rettificato vicino al 40%, in linea con le migliori società del lusso”. E fin qui tutto bene. Solo grandi applausi anche se si continua definire società del lusso, una casa automobilistica che è un grande orgoglio italiano.

E’ il passaggio successivo che lascia perplessi: “Mentre tra le mura di Maranello sono in corso profondi cambiamenti, in particolare nel rafforzare l’attività sportiva in pista e per sviluppare le collezioni lifestyle sulle passerelle, la spinta verso il progresso che il nostro fondatore Enzo Ferrari aveva nel cuore continua a mantenere umile e ambiziosa la gente della Ferrari nel costruire il futuro del Cavallino Rampante”.

Mettere sullo stesso piano l’attività sportiva e le collezioni lifestyle è qualcosa che fa rizzare i capelli. Ma voi vi immaginate come potrebbe reagire Enzo Ferrari a una frase come questa?

Vedi anche Lapo contro John, la guerra degli Elkann: Ferrari c’è bisogno di serietà

oppure Parla Elkann: “L’obbiettivo Ferrari in F1 resta la vittoria”. Vorrei vedere…

Share Button
umberto zapelloni

Nel 1984 entro a il Giornale di Montanelli dove dal 1988 mi occupo essenzalmente di motori. Nel gennaio 2001 sono passato al Corriere della Sera dove poi sono diventato responsabile dello Sport e dei motori. Dal marzo 2006 all'aprile 2018 sono stato vicedirettore de La Gazzetta dello Sport

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.